• Facebook Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • YouTube Icona sociale

2018 TAGteatro by TiTo

una finestra sempre aperta sul teatro

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Leggi di più

F R A M E


Arriva al Teatro Fontana l’ultimo spettacolo del regista Premio UBU 2017 (con lo spettacolo Macbettu) Alessandro Serra.


Giovanissimo si avvicina al teatro attraverso gli esercizi di trascrizione per la scena delle opere cinematografiche di Ingmar Bergman. Studia come attore inizialmente avvicinandosi alle azioni fisiche e ai canti vibratori di Grotowski, per poi arrivare alle leggi oggettive del movimento di scena trascritte da Mejercho’ld e Decroux. Nel frattempo si laurea in Arti e Scienze dello Spettacolo all’Università la Sapienza di Roma con una tesi sulla drammaturgia dell’immagine. Nel 1999 fonda la Compagnia Teatropersona, con la quale comincia a mettere in scena i propri spettacoli che scrive e dirige, creandone le scene, i costumi e le luci.


F R A M E

dal 7 al 10 febbraio 2019

Teatro Fontana

Via Boltraffio 21 – Milano

regia, scene, costumi e luci Alessandro Serra

con Francesco Cortese, Riccardo Lanzarone, Maria Rosaria Ponzetta, Emanuela Pisicchio, Giuseppe Semeraro


F R A M E

si ispira all’universo pittorico di Edward Hopper, pittore statunitense che ha immortalato nella prima metà del '900 la solitudine dell’America contemporanea. Hopper è stato famoso soprattutto per i suoi ritratti.


F R A M E

è una finestra, una vetrina di un bar, l'uscita di sicurezza di un teatro, un sipario socchiuso, una porta, il finestrino di un treno.


F R A M E

sono figure sempre ai margini di una soglia in cerca di luce. Mentre fuori la vita, ferma, incombe.


F R A M E

è anche una novella visiva, senza trama e senza finale, direbbe Cechov, una porta semiaperta per un istante su una casa sconosciuta e subito richiusa.


Se non lo avete ancora capito F R A M E ve lo consiglio!

Buona serata, a teatro.


Milano 05/02/2019

Foto by Alessandro Serra

(sì, proprio lui... il regista, lo scenografo, il costumista e il direttore delle luci)