• Facebook Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • YouTube Icona sociale

2018 TAGteatro by TiTo

una finestra sempre aperta sul teatro

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Leggi di più

Tutti In Grigna! per la prima edizione di un Festival In Montagna!



Torno a parlarvi di un Festival immerso nella Natura, avrete capito che sono i miei due habitat naturali. Mi trovo tra il Rifugio Rosalba e Campsirago Residenza (già proprio quello de Il giardino delle Esperidi) per un neo-festival In Grigna! Festival culturale di valorizzazione della montagna e del suo territorio in occasione dei 110 anni dalla nascita di Riccardo Cassin.


IN GRIGNA!

7 – 8 settembre 2019

Rifugio Rosalba - Lecco

direzione artistica collettiva:

Rifugio Rosalba Alex Torricini

Campsirago Residenza Michele Losi, Giulia Castelnovo

e Chiara Brambilla


Giulia Castelnovo, ufficio stampa, è entusiasta di questo nuovo progetto che la vede anche tra i direttori artistici. Grazie a Giulia ho contattato Alex Torricini (Rifugio Rosalba) e nuovamente l'amico Michele Losi (Campsirago Residenza) per fare con loro una chiacchierata per la prima edizione di un Festival In Montagna!


Grazie per aver accolto il mio invito. Quando è perché nasce questo particolare Festival?


Alex Torricini:

l'idea ce l'ho da sempre ma non ho mai trovato il momento giusto e le persone giuste per realizzarla. Innanzitutto come gestore di rifugio, che di fatto poi non sono altro che un ospite privilegiato di una montagna, ho pensato che fosse giusto fare un omaggio al personaggio che forse più di tutti ha contribuito a rendere la Grigna così famosa nel mondo: Riccardo Cassin, che quest'anno avrebbe compiuto 110 anni. Ho pensato a Chiara Brambilla perché sapevo che scalava e che nell'ambito dell'organizzazione di un festival poteva essere il giusto link tra il mondo della montagna e quello dell'arte e della cultura. Poi lei mi ha fatto conoscere Giulia Castelnovo che si occupa della comunicazione e ufficio stampa; loro due insieme hanno creato tutto il festival con il sostegno vitale di Campsirago Residenza e di Michele Losi. Sentivamo il bisogno di ascoltare storie di Grigna "in Grigna" e quindi abbiamo trovato chi, attraverso l'arte, fosse in grado di farlo.


Per chi non lo conoscesse, chi era Riccardo Cassin?


Alex Torricini:

difficile riassumerlo in poche parole; Riccardo Cassin fu un grande alpinista, ma prima forse un amante della montagna. Visse ai piedi della Grigna ma girò le alpi e il mondo.


Quali saranno le particolarità del Festival In Grigna! ?


Alex Torricini:

sono tutti eventi inediti, alcuni creati ad hoc. Credo di poter dire che i due spettacoli itineranti, quello sulla Direttissima con Marco Albino Ferrari, e Alberi Maestri di Michele Losi, possano considerarsi i due eventi più caratteristici e caratterizzanti del festival... l'arte che si fa manipolare dalla natura.


Quale, l’obiettivo con il Festival In Grigna! ?


Alex Torricini:

il semplice camminare tra le guglie della Grignetta è un emozione. Credo che l'obiettivo sia proprio quello di emozionare ed emozionarci.


L’evento centrale, sabato 7 settembre, sarà una camminata teatrale. In cosa consiste, se posso?


Alex Torricini:

si tratta di un trekking narrativo inedito lungo il sentiero chiamato della Direttissima che collega il rifugio Porta al rifugio Rosalba. Un itinerario che passa nel cuore della Grignetta, tra le guglie e le pareti che, oltre ad essere un paesaggio naturale straordinario, ha segnato l'inizio della storia dell'alpinismo. Ci saranno alcune tappe, nelle quali si svolgeranno i racconti di Marco Albino Ferrari e degli (S)legati (i bravissimi Jacopo Bicocchi e Mattia Fabris), che spazieranno dall'orogenesi delle guglie alle storie degli uomini e donne che le hanno scalate.


Cosa succede l’8 di settembre?

Ho visto che ci farete svegliare all’alba. Questo festival ci metterà a dura prova, fisicamente?


Alex Torricini:

succede semplicemente che le emozioni continueranno grazie al teatro-danza con lo spettacolo De rerum natura, il concerto dei Khora Quartet e la performance Alberi Maestri. Di certo dormire non ne vale la pena quella mattina!


Con il Festival In Grigna! ci sarà come hai detto la musica, ma ho letto anche di degustazioni e yoga? Confermo che qui ci vuole un fisico bestiale!


Alex Torricini:

si forse la degustazione metterà a dura prova molti, soprattutto chi si è imposto una dieta... per il resto, godimento e relax!


In Grigna! lo possiamo considerare un spin-off de Il Giardino delle Esperidi? In cosa lo differenzia da Esperidi?


Michele Losi:

In Grigna! non è uno spin-off delle Esperidi perché nasce autonomamente da esse e dalla volontà di Alex Chiara e Giulia. Sicuramente quando siamo stati coinvolti ci siamo buttati entusiasti in questa avventura, perché i temi sono molto vicini, perché io vengo dall'alpinismo e dal teatro nel paesaggio, perché portare spettacolo, arte e cultura nel mezzo della natura è meraviglioso e funziona molto bene. La differenza è il paesaggio e il taglio diretto sulla Montagna. Non molto altro penso.


Domanda cattivella... a fine agosto ci dobbiamo aspettare in ordine; SIAE, Vigili, Guardia di Finanza e Carabinieri?


Michele Losi:

non penso le forze dell'ordine saranno chiamate questa volta, perché i vicini di casa, camosci e animali selvatici, sono molto più intelligenti di tanti umani che ci circondano a valle. Sono sicuro che verranno anche loro a vedere gli spettacoli, magari un po' in disparte, con la giusta attenzione e sensibilità.


Per chi ama la montagna, la natura e i suoi rifugi, questo è il Festival che fa per loro... per chi ama il mare, come li possiamo invogliare a venire a In Grigna! ?


Alex Torricini:

da settembre e per tutto l'autunno, si formano delle nuvole basse sulla pianura padana. Nello stare In Grigna si ha la sensazione di essere come su un isola con tutto il mare attorno dove di tanto in tanto spuntano le vette circostanti e allora ci si ritrova in un arcipelago.


Beh che meraviglia, non credete?

Ma se non vi hanno convinto Alex e Michele allora ci provo io a tentarvi spoilerando il programma, perché un fine settimana così capita solo In Grigna!


sabato 7 settembre 2019

come descritto da Alex, prima dell’evento centrale del weekend, una camminata teatrale inedita sul sentieri della Direttissima un momento di gruppo e di condivisione per esplorare le tecniche yogiche, dagli asana alla meditazione con Alberto Milani. Non so voi ma io non vedo l’ora. Durante il giorno intermezzi musicali, presentazione di un libro, proiezione di un corto-documentario per arrivare alla pre 20:30 con lo Spettacolo-Reading, Riccardo Cassin: l’uomo pietra. Alle 22:30 uno spettacolo di teatro di figura, di Talita Kum Riserva Canini, Campsirago Residenza.


domenica 8 settembre 2019

come anticipato levataccia alle ore 6:30, per la visione dello spettacolo di danza contemporanea De rerum natura di e con Alice Beatrice Carrino e Giuseppe Morello. Alle ore 10:00 per chi se lo fosse perso durante il festival Il Giardino delle Esperidi la performance itinerante Alberi Maestri di Pleiadi e Campsirago Residenza, se non sarete tra i 65 fortunati no panic Alberi Maestri vi aspetta al Parco Sempione di Milano domenica 15 settembre 2019 all’interno di Tramedautore alle ore 11:30. Tra una degustazione, presentazione libro e musica, la prima edizione di In Grigna! un Festival In Montagna ci saluterà per la prossima edizione.


Prima che accada tutto questo bisogna esserci per poterlo raccontare ed io ci sarò e vi do appuntamento per il 7 e 8 settembre 2019. Un motivo in più per esserci, conoscerci dal Vivo perché ai LiKe preferisco gli abbracci e le strette di mano LiVe.


Buon In Grigna! a tutti.


Milano 01/08/2019


INFO & PRENOTAZIONI

esperidi@campsiragoresidenza.it


SITO

Campsirago Residenza