• Facebook Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • YouTube Icona sociale

2018 TAGteatro by TiTo

una finestra sempre aperta sul teatro

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Leggi di più

La fortuna


Attrice Lei, attore, musicista e cantautore Lui.

La formazione artistica di Lei, Giulia D’Imperio, si sviluppa tra lo studio delle lingue straniere, la scuola di teatro Arsenale di Milano, un corso accademico per la danza e il canto e diversi laboratori con registi e attori quali François Lecoq, Claudio Orlandini, Julie Anne Stanzak, la Compagnia Sud Costa Occidentale ed Emma Dante.

La formazione artistica di Lui, Enrico Ballardini, avviene con il regista Claudio Orlandini, successivamente approfondisce il suo percorso collaborando e partecipando a laboratori tenuti da Emma Dante e dalla Compagnia Sud Costa Occidentale, Cesar Brie, Danio Manfredini, Lorenzo Loris, Theodoros Terzopulos e Tahdashi Suzuki.


Giulia&Enrico, assieme, formano una bellissima coppia artistica, ma soprattutto privata. Per questo motivo sono andato a trovarli durante le prove dello spettacolo La fortuna, diretti da Omar Nedjari, e li voglio far conoscere anche a Voi.



LA FORTUNA

di Omar Nedjari e Marika Pensa

dal 18 al 21 ottobre 2018

Teatro Delfino | Piazza Piero Carnelli – Milano

regia Omar Nedjari

con Enrico Ballardini, Michele Bottini, Giulia D’Imperio, Sergio Longo, Enrico Maggi, Marika Pensa

sinossi:

La fortuna porta in scena la ludopatia, con un'ambientazione contemporanea che tende quasi al futuro e che strizza l'occhio a Goldoni e Dostoevskij. Di fatti, la drammaturgia de’ La fortuna, parte da un testo poco conosciuto di Carlo Goldoni (Il Giuocatore), il quale disegna con grande efficacia le conseguenze del gioco d’azzardo sul corpo del suo protagonista. Al testo di Goldoni si vogliono affiancare brani estratti dal Giocatore di Dostoevskij. Lo spettacolo sarà un caleidoscopio di personaggi, interpretati da cinque attori; aiutati da maschere non più della commedia dell’arte, ma del mondo moderno. In un incubo serrato e incalzante il protagonista vivrà la sua discesa nel baratro della dipendenza da se stesso.


Visto l’incremento della dipendenza da giochi d’azzardo in Italia, uno spettacolo come La fortuna pone l’obiettivo di sensibilizzare la comunità, con particolare attenzione ai giovani che, sempre più spesso cadono vittime della dipendenza da gioco.


E voi, siete vittime da una dipendenza? Per scoprirlo non vi resta che andare al Teatro Delfino.

Buona visione.


Milano 18/10/2018

Video by TiTo

Foto by Emanuele Iuculano