• Facebook Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • YouTube Icona sociale

2018 TAGteatro by TiTo

una finestra sempre aperta sul teatro

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Leggi di più

Lavorare per la morte con Sandra Toffolatti e Nicola Russo



La Compagnia Monstera nasce nel 2010, grazie alla direzione di Nicola Russo, attore che ho conosciuto artisticamente anni fa presso il Teatro dell’Elfo come interprete di tante loro produzioni: Romeo e Giulietta, Sogno di una notte di mezza estate giusto per citarne due, ma non solo, Nicola ha lavorato con Luca Ronconi in Peccato che fosse puttana, con Eimuntas Nekrosius in Anna Karenina e con Marco Bellocchio nel Macbeth. Negli ultimi anni Nicola si è dedicato alla direzione e scrittura di spettacoli quali Elettra, Physique du rôle, La vita oscena, Vecchi per niente fino ad arrivare a Io lavoro per la morte assieme alla bravissima Sandra Toffolatti, diplomata all’Accademia d’Arte drammatica Silvio D’Amico, che ha mosso i primi passi nel mondo dello spettacolo vincendo la prima edizione del premio Lina Volonghi. Nella sua carriera, fin dagli inizi ha avuto ruoli da protagonista in vari spettacoli che la hanno portata a collaborare con registi del calibro di Ronconi, De Capitani, Scaparro e Levi.


Nicola e Sandra sono attualmente in scena, a casa di Nicola, Teatro Elfo/Puccini. Prima dell'apertura del sipario, nell'accogliente Sala Bausch, li ho incontrati per parlare del loro spettacolo, Io lavoro per la morte.



IO LAVORO PER LA MORTE

fino al 24 febbraio 2019

Teatro Elfo/Puccini

(Sala Bausch)

Corso Buenos Aires 33 - Milano

testo e regia Nicola Russo

elaborazione drammaturgica Nicola Russo e Sandra Toffolatti

con Sandra Toffolatti e Nicola Russo


sinossi:

Io lavoro per la morte è un dialogo impossibile, una riflessione su quel che resta dopo la morte, su come a volte solo l'assenza di una persona riesca a farci comunicare, grazie alla traccia indelebile del carattere, che ritorna sempre, forte e nitido. Uno spettacolo privato costellato di sogni, sui movimenti del pensiero in solitudine, su di un lessico familiare divertente e dissacrante, che gioca a declinare un taboo dei nostri tempi: la morte.


Dopo il poetico e commovente Vecchi per niente, sguardo insolito sulla vecchiaia raccontata con ironica leggerezza, Nicola porta in scena un altro bellissimo spettacolo, questa volta sulla morte e sulla maternità, sul lavoro quotidiano e rumoroso per restare in vita anche quando in qualche modo si è già morti.


Le madri si sa, muoiono, come tutti. Ma, quando muoiono le madri, succede qualcosa di particolare, nei figli: è come uno spartiacque, prima si è liberi di fare e trasgredire, poi si diventa i primi della fila, ossia quelli su cui ricade la responsabilità di tutti coloro che stanno dietro.


Affrettatevi avete pochissimo tempo per andare ad applaudire Sandra e Nicola.

Buona visione.


Milano 22/02/2019

Video by TiTo

Foto by Federica di Benedetto


SITO

Monstera