• Facebook Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • YouTube Icona sociale

2018 TAGteatro by TiTo

una finestra sempre aperta sul teatro

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Leggi di più

Più che danza… è un Festival!


Più che danza! Festival

dal 26 novembre al 2 dicembre 2018

Teatro Fontana

Via Boltraffio 21 – Milano

Ideazione e direzione artistica Franca Ferrari

in collaborazione con Teatro Fontana

e con C.I.M.D - Centro Internazionale di Movimento e Danza, Perypezye Urbane

con il sostegno di Mibac e di Fondazione Cariplo

Collabora al progetto anche il festival ConFormazioni di Palermo.


Più che danza! nasce nel 2014 con un’attenzione specifica agli artisti del territorio della Lombardia e da quest’anno diventa un vero e proprio Festival Nazionale attento ai giovani e all’innovazione.


14 spettacoli in una settimana di programmazione, un incontro, gli appunti coreografici da Incubatore C.I.M.D e le opere della rassegna di video-danza Espressioni 2018. Ogni sera, al Teatro Fontana, a partire dalle ore 20.30 il pubblico con un biglietto unico farà un vero e proprio pieno di danza!


Per saperne di più ho contattato Franca Ferrari e lo ho chiesto se Più che danza! è rivolto al solo pubblico che ama la danza contemporanea oppure aprirete le danze a tutti gli spettatori?


Più che danza! si configura sempre di più come un’occasione di sviluppo di pensieri, esperienze e scambio tra artisti e qualsiasi tipo di pubblico.


Quant’è difficile fare, e proporre, danza contemporanea oggi, specie in Italia?


L’arte contemporanea è sempre difficile per qualsiasi pubblico, è la storia di sempre.

“anche il Medioevo è stato contemporaneo” ...e anche allora era difficile. Non si comprende mai ciò che avviene nel momento, ma solo dopo che la storicità ha stratificato le conoscenze


Qual è la qualità estetica che ami maggiormente, applicata al movimento?


Al momento è la “trasmissione” ciò che mi interessa e che a mio parere rende la danza un vero linguaggio specifico in grado di comunicare, al di là e oltre il corpo come espressione dell’essere umano.


Quant’è importante in uno spettacolo di danza contemporanea la relazione con gli elementi e lo spazio scenico?


Tutto è importante in una messinscena, tutte le decisioni dell’autore hanno valore e sta a lui la responsabilità della scelta e di come valorizzare le sue scelte in una dinamica di valori. Oggi il campo è molto aperto e quindi la scelta è ancora più importante.


La musica?...

(spesso ho assistito a spettacoli di danza contemporanea privi di supporto musicale, e ti dirò, non mi sono spiaciuti affatto)


Da molti anni ormai, quasi un secolo, la danza afferma la sua indipendenza dalla musica. Considero questa una conquista pari alla conquista del voto per le donne, guai tornare indietro. Credo anche che il corpo danzante sia "musica visiva”, può relazionarsi alla musica o no, anche questa è una scelta. Il pubblico di sicuro associa la danza alla musica ancora.


Spesso sento dire, all’uscita di uno spettacolo di danza contemporanea:

‘non ho capito’

Domanda, ma è così necessario capire uno spettacolo di danza contemporanea?


Non credo, ma il punto di vista di ogni spettatore può essere diverso. C’è chi cerca di capire, chi si lascia emozionare, chi si diverte, chi lo confronta con altro… È importante trovare un motivo per venire a vedere e tornare un’altra volta!


Definiamo ‘danza contemporanea’ giusto per incuriosire i lettori a venire ad assistere ad uno dei 14 spettacoli di Più che danza!


Prenderei questa affermazione di Françoise Dupuy che condivido pienamente:

“La danza contemporanea non è una nuova forma di danza ma è una nuova modalità di approccio alla danza, che non implica nessuno stile definito, e non esclude nessuna esperienza”


Domanda cattivella... lo spettatore tipo, dovendo scegliere (causa mancanza di soldini) uno o due tra i 14 spettacoli proposti, quale non dovrebbe assolutamente perdersi e perché?


Non posso proprio rispondere a questa domanda, sono la direttrice del festival e ho scelto tutti gli spettacoli, riconosco in ognuno un valore.


Cosa vorresti che si portasse a casa il pubblico dopo aver assistito ad uno spettacolo di Più che danza!?


Curiosità di venire a vedere il prossimo spettacolo.


Se Franca Ferrari vi ha incuriositò almeno un pò, non aspettate di vedere il prossimo spettacolo, cominciate da subito scoprendo il...


PROGRAMMA COMPLETO


Buona serata a teatro.


Milano 26/11/2018


INFO:

CIMD-DANZA