• Facebook Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • YouTube Icona sociale

2018 TAGteatro by TiTo

una finestra sempre aperta sul teatro

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Leggi di più

Pia Lanciotti e la tragedia del vendicatore


È una delle attrice più apprezzate della scena teatrale italiana. Vincitrice dei più importanti riconoscimenti del settore come il Premio Eleonora Duse, Premio Nazionale della Critica, Miglior Attrice Protagonista al Festival del Cinema Indipendente di Parigi.

È una di quelle attrici che può interpretare veramente tutto, capace di truccare il suo volto del colore dei drammi più classici alle commedie, fino alle sitcom televisive.

Allieva della Scuola di Teatro di Giorgio Strehler, studia in workshop internazionali diretti da Declan Donnellan, Bruce Meyers e Jan Simmons.


Ha calcato i palchi più importanti di Londra, Roma e Milano. Torna a Milano presso il Piccolo Teatro Strehler la meravigliosa Pia Lanciotti in scena, con un bel cast di attori (piano piano ve li presenterò quasi tutti), diretta da uno tra i più grandi registi europei, Declan Donnellan (Leone d’Oro alla carriera).


LA TRAGEDIA DEL VENDICATORE

fino al 16 novembre 2018

di Thomas Middleton

Piccolo Teatro Strehler

Largo Antonio Greppi 1 – Milano

drammaturgia e regia Declan Donnellan

versione italiana Stefano Massini

con Ivan Alovisio, Alessandro Bandini, Marco Brinzi, Fausto Cabra, Martin Ilunga Chishimba, Christian Di Filippo, Raffaele Esposito, Ruggero Franceschini, Pia Lanciotti, Errico Liguori, Marta Malvestiti, David Meden, Massimiliano Speziani, Beatrice Vecchione

sinossi:

con lo spettacolo La tragedia del vendicatore (scritto nei primi anni del regno di Giacomo I) si percepisce una minaccia incombente, che cresce come un tumore invisibile fino a scoppiare, alimentata dal rancore e dall’ingiustizia. Ci parla di un governo corrotto, invischiato in loschi affari, di un popolo che si compra al prezzo dei beni di consumo. Una società ossessionata dal sesso, dalla celebrità, dalla posizione sociale e dal denaro, dominata dal narcisismo e da un bisogno compulsivo di auto rappresentarsi per convincere gli altri, ma soprattutto se stessi, di essere buoni e belli.


Non c'è bisogno di convincervi ad essere buoni per andare ad applaudire Pia Lanciotti e i suoi compagni di scena. Non avete scusa perché La tragedia del vendicatore (spettacolo pulp elisabettiano) resterà in scena fino al 16 di novembre.


Buona visione.


Milano 30/10/2018

Video by TiTo