• Facebook Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • YouTube Icona sociale

2018 TAGteatro by TiTo

una finestra sempre aperta sul teatro

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Leggi di più

Piccolo Teatro Grassi - SISTER(s) una fiaba per la generazione Y

Aggiornato il: 1 ott 2018



exvUoto teatro, fondato nel 2011 da Andrea Dellai e Tommaso Franchin, si costituisce attorno al progetto Funi E Desideri Rapidamente Ammazzano. Tra i loro lavori la serie The Love Box: Blue Room (2013), White Room (2014), Green Room (2015) Pink Room (vincitore del bando Assemblaggi provvisori 2015), e il progetto Mappature Emotive (2017).


Torna, come ogni anno, il festival Tramedautore diretta da Michele Panella, festival che non offre “solo spettacoli”, ma si propone come luogo di novità e poetiche. Tra le varie novità di questa edizione una ha attirato la mia attenzione, visto che non sono di Milano, così lunedì 17 ottobre, sono andato ad assistere al loro spettacolo:


SISTER(S). MIRAGGIO SU STRADA QUALUNQUE

di Andrea Dellai

17 settembre 2018

Piccolo Teatro Grassi | Via Rovello 2 - Milano

regia Tommaso Franchin

con Andrea Dellai, Laura Serena, Massimo Scola


sinossi:

a Rovigo (Alabama) non c’è molto da fare: quattro vecchi, un cimitero e una stazione di benzina. Pochissime automobili. Molto caldo. A gestire la stazione di rifornimento sono in due, un fratello e una sorella. Hansel e Gretel sono diventati grandi. Usciti dal bosco vivono ai margini della città, quasi trentenni, a Rovigo. Soli. Senza futuro. Senza possibilità. Abbandonate le streghe e il marzapane abitano un mondo di necessità primarie (molto simile al nostro). Una civiltà bombardata di slogan, in stato confusionario e razzista. E finalmente, un giorno, i due fratelli si comprano un frigorifero nuovo di zecca. Niente più carne andata a male. Niente più mosche sulle bistecche. Ma come in tutte le storie che si rispettino succede qualcosa. Lui apre il frigorifero e vi trova chiusa dentro la Madonna che gli dà una notizia importante. Dovrà farsi suora. Con velo, tunica e sandali: tutto compreso. Nostra Signora dello Sbaglio ha colpito e affondato.


Che dire, una bella fiaba (paradossale) per raccontare la generazione dei trentenni, soprattutto come affrontano i cambiamenti repentini del mondo attuale.


Buona visione


Milano 01/10/2018

Video by TiTo