• Facebook Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • YouTube Icona sociale

2018 TAGteatro by TiTo

una finestra sempre aperta sul teatro

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Leggi di più

Play, una scossa dell’anima


Kataklò (Athletic Dance Theatre) è una compagnia indipendente che da più di 20 anni si esibisce con successo in Italia e all’estero. Il nome Kataklò viene dal greco antico e significa; io ballo piegandomi e contorcendomi. Lo stile di Kataklò si basa sin dagli esordi sull’alta preparazione atletica e sulla notevole tecnica di danza di tutti gli interpreti, chiamati a mettere in campo versatilità e determinazione per sostenere l’impegnativo training fisico.


L’intensa attività di Kataklò è diretta (dal 1995) da Giulia Staccioli. Giovanissima inizia lo studio della danza classica per poi applicare le sue doti fisiche alla ginnastica, fino a diventare finalista olimpica (Los Angeles ‘84 e Seoul ‘88). Terminata l’attività agonistica si sposta a New York per studiare agli Alvin Ailey Studios, affermando poi le sue qualità di interprete entrando nella compagnia americana Momix, dove sperimenta e cresce per tre anni sotto la guida di Moses Pendleton. Attraverso questa esperienza inizia a delineare il progetto Kataklò, sviluppando fin dall’inizio un tratto coreografico originale, basato sullo studio del gesto e del linguaggio corporeo: un nuovo approccio a quello che viene internazionalmente definito physical theatre, con cui ottiene ampi riconoscimenti di pubblico e di critica.


Dopo l'esibizione a Sanremo con Arisa, sono andato nel camerino del Teatro Carcano di Milano ad incontrare proprio la fondatrice di questa straordinaria compagnia, Giulia Staccioli, e abbiamo parlato di PLAY ma di tanto altro ancora.



PLAY

fino al 17 febbraio 2019

ideazione e direzione artistica Giulia Staccioli

interpreti Compagnia Kataklò


sinossi:

sei performer in scena giocano a costruire storie attraverso oggetti di uso comune che diventano strumenti per sperimentazioni beffarde o drammatiche: biciclette, una porta da calcio, una racchetta da tennis, palloni, occhiali e scarponi da sci, affreschi di sport che pulsano nel nero del palcoscenico ed esplodono in mille forme e colori. Cartoline di sport da luoghi ed epoche lontani, immagini e suoni che rimangono nella memoria. I corpi dei danzatori giocano e creano, sfidano e sperimentano.


PLAY l'hanno definito una scossa dell’anima ed è lo show-simbolo dei Kataklò, uno spettacolo ipnotico e fantasioso ispirato ad un mondo dello sport lontano nello spazio e nel tempo che con ironia e sensibilità parla dei nostri limiti, del traguardo come meta sudata, del podio come conferma della passione e dedizione. Un’entusiasmante alchimia tra l’energia dirompente del gesto atletico e l’armoniosa intensità della danza.


Giulia e i suoi strepitosi Kataklò, vi aspettano al Teatro Carcano, ma fate presto solo pochi posti liberi.


Buona visione.


Milano 16/02/2019

Video by TiTo

Foto by Renato Mangolin


SITO

COMPAGNIA KATAKLÒ