• Facebook Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • YouTube Icona sociale

2018 TAGteatro by TiTo

una finestra sempre aperta sul teatro

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Leggi di più

Ritratto di (donna) Dora M.


Attrice di cinema, televisione e teatro, Lei.

Regista di teatro e video, Lui.


Lei, Ginestra Paladino, figlia dell’artista, pittore, scultore e incisore Mimmo Paladino, si diploma presso la Civica Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi nel 1998. Nel cinema lavora con Paolo Sorrentino, Giovanni Veronesi e Mario Martone, in televisione in Distretto di Polizia, Il capo dei capi fino ad arrivare al più recente I bastardi di Pizzofalcone.


Lui, Francesco Frongia, lavora stabilmente con la compagnia del Teatro Elfo/Puccini, spesso in coppia con Ferdinando Bruni (L'ignorante e il folle, Mr Pùntila, Atti osceni fino all’ultimo L'importanza di chiamarsi Ernesto attualmente in tournée), in prima persona di Cassandra, Rosso, Nel buio dell'America e L'eclisse. Con i suoi video ha trasfigurato le scenografie di alcuni tra i più significativi spettacoli dell'Elfo, Angels in America e di Afghanistan: il Grande Gioco, evocando mondi immaginari e lontani. Si è spinto oltre, nella sperimentazione, con Alice Underground, un vero e proprio cartoon teatrale nel quale ha creato un originale cortocircuito tra teatro e immagini.


Dall’unione tra Ginestra e Francesco nasce un bellissimo Ritratto di (donna) Dora M. e me lo sono fatto raccontare direttamente da loro, andando al Teatro Filodrammatici di Milano durante una pausa dalle loro prove prima del ri-debutto.



RITRATTO DI DORA M.

dal 12 al 17 febbraio 2019

Teatro Filodrammatici

via Filodrammatici 1 – Milano

progetto a cura di Ferdinando Bruni e Francesco Frongia

regia Francesco Frongia

con Ginestra Paladino


sinossi:

Dora M. una breve ma brillante carriera da fotografica, quando nel 1937 incontra Pablo Picasso che la convince ad abbandonare la fotografia per la pittura. Questo passaggio, dalla fotografia versus la pittura, è uno dei momenti che segnano un percorso esistenziale, di Dora, segnato da brusche cesure e dolorosi cambi di rotta. Al momento dell’incontro con Picasso, Dora è una donna realizzata ma cinque anni dopo, alla fine della sua relazione con Picasso, Dora è una donna spezzata, che si aggira nuda nell’androne di casa sua, in preda a una crisi psicotica.


In scena tre immagini di donna così lontane fra loro ma che affascinano.

Dora M. raggiante musa dei surrealisti, la donna che gioca coi coltelli.

Dora M. che piange nei ritratti di Picasso, annientata da un amore assoluto.

Dora M. la reclusa, la mistica piegata nel corpo dall’artrosi, ma sempre più raffinata nello spirito.


A questa figura di donna così ricca di fascino, storia e arte Francesco Frongia, con Ferdinando Bruni, dedicano un bellissimo;

Ritratto... un percorso a tappe che tenta di dipingere l’evolversi esistenziale... di Dora M.


Buona visione.


Milano 10/02/2019

Video by TiTo

Foto by Sabrina Cirillo