• Facebook Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • YouTube Icona sociale

2018 TAGteatro by TiTo

una finestra sempre aperta sul teatro

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Leggi di più

Tutto quello che volev(a) Cinzia Spanò



Nata a Milano, si diplomata all’Accademia dei Filodrammatici di Milano nel 1996, ha lavorato in teatro con importanti registi fra i quali Antonio Latella, Massimo Castri, Massimo Navone, Beppe Navello, Silvie Busnuel, Claudio Beccari, Carmelo Rifici, Beppe Rosso. Ha recitato al fianco di attori come Franca Nuti, Giancarlo Dettori, Lucilla Morlacchi, Umberto Ceriani, Ruggero Dondi, Franco Branciaroli, Elia Schilton e Laura Marinoni. Ha vinto il premio Imola, il premio Hystrio, il premio Anteprima ed è stata nominata ai premi Ubu per il teatro. E’ stata conduttrice di trasmissioni televisive e radiofoniche. Il suo testo Marilyn Mon Amour ha debuttato nell’autunno 2011 al Teatro Litta di Milano ed è andato in scena nell'autunno del 2013 al Teatro Franco Parenti di Milano.


Sto parlando di Cinzia Spanò che subito dopo il suo debutto con un importante, e direi necessario, spettacolo di denuncia, in scena al Teatro Elfo/Puccini di Milano, ed è nata un'intervista che vi consiglio di non perdere...



TUTTO QUELLO CHE VOLEVO

storia di una sentenza

fino al 19 maggio 2019

Teatro Elfo/Puccini

(Sala Bausch)

Corso Buenos Aires 33 - Milano

di e con Cinzia Spanò

regia Roberto Recchia

cortometraggio di Paolo Turro


sinossi:

dopo La Moglie, Cinzia Spanò torna a raccontare una storia dedicata all’universo femminile e lo fa con Tutto quello che volevo. Tratto da un fatto di cronaca, il testo è dedicato al Giudice Paola Di Nicola che ha dovuto occuparsi del caso di due studentesse liceali (14 e 15 anni) che dopo la scuola si prostituivano in un appartamento di Viale Parioli. Le indagini hanno rivelato che tra i clienti delle due ragazze ci fossero alcuni dei maggiori professionisti della Roma-Bene.


Tutto quello che volevo è uno spettacolo forte e che ci farà riflettere, perché ci racconta che la dignità ha un valore inestimabile, e che nessuna ricchezza economica può barattare. Ma soprattutto lo spettacolo si fa molto più intimo, e onirico, quando nel racconto s’innesta il cortometraggio del giovane videomaker Paolo Turro.


Tutto quello che volevo non era un pugno nello stomaco, ma è quello che ho ricevuto dopo aver visto Cinzia Spanò in scena grazie ad uno spettacolo necessario come quello che vi aspetta nell’accogliente Sala Bausch del Teatro Elfo/Puccini. Cinzia è brava e la tematica trattata, oggi più che mai, va sostenuta!


Buona visione.


Milano 07/05/2019

Video by TiTo

Foto by Laila Pozzo


SITO

Cinzia Spanò