Venezia si mette in ginocchio SOLO per pregare


I teatri italiani in aiuto della città-culla della commedia moderna. Una lodevole iniziativa iniziata il 22 di novembre e che terminerà il 12 dicembre. Giorno in cui ricorre un mese esatto dall’Acqua Granda che ha messo in ginocchio Venezia e la sua costa, ma come dicono i veneziani:


"ci mettiamo in ginocchio solo per pregare"


I circuiti teatrali regionali riconosciuti e sostenuti dal MiBACT aderenti ad ARTI (Associazione Reti Teatrali Italiane – AGIS NAZIONALE/FEDERVIVO) scendono in campo per aiutare la città natale di Carlo Goldoni e avviano una campagna di raccolta fondi chiamata:


D_ARTI X VENEZIA

i circuiti teatrali italiani per la città più bella del mondo


Gli spettatori che si recheranno a vedere gli spettacoli organizzati dai vari circuiti teatrali in tutta Italia potranno partecipare con un’offerta libera alla raccolta fondi istituita dal Comune di Venezia - Emergenza acqua alta destinata a sostenere Venezia, i suoi teatri e la ripresa delle attività economiche, sociali, culturali.


Per la Lombardia, il Circuito Claps provvederà ad inviare direttamente il ricavato all’ IBAN dedicato all’emergenza. Tanti gli artisti che hanno accolto questo invito.


Il 22 di novembre è sceso in campo Dario Vergassola con lo spettacolo Sparla con me, il 26 novembre Perfetta con Geppi Cucciari e il 30 di novembre lo spettacolo "Live for Love” Gospel al Teatro Delfino di Milano.


Il 4 dicembre ore 20:45, non perdiamo l’ultima occasione per sostenere concretamente questa importante iniziativa con la nostra presenza.


Come?


Andando a vedere una delle più grandi attrici italiane, Maria Paiato (ieri la notizia della sua candidatura al Premio Ubu 2019 come 'attrice o performer' per lo spettacolo Un nemico del popolo) nello spettacolo:


MADRE COURAGE E I SUOI FIGLI

Teatro Odeon - Lumezzane (BS)


sinossi

una potente riflessione sull'identità femminile, sui ruoli e sui riti sociali che rimangono e si rinnovano, una nuova versione del capolavoro brechtiano, dove parola, corpo e musica si fondono per ritrarre un'umanità che somiglia così tanto al nostro presente.


Che dire, Venezia ha bisogno di tutti noi, ma soprattutto Venezia ha bisogno di qualcuno che metta in fila i problemi di questa meravigliosa città e che li risolva una volta per tutte.


Mai più scavi.

Mai più passaggi devastanti.

Ma i più operazioni da parte dell’uomo sulla laguna, in primis lo scavo del Canale dei Petroli.


Adesso è il tempo delle decisioni drastiche.

Adesso è tempo che anche noi che amiamo la cultura non dobbiamo tirarci indientro, basta poco per fare tanto.


Buona serata

Milano 01/12/2019


per info:

CLAPS LOMBARDIA

comunicazione@claps.lombardia.it

tel. 030 8084751

  • Facebook Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • YouTube Icona sociale

2018 TAGteatro by TiTo

una finestra sempre aperta sul teatro

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Leggi di più